Tutela minori

Alcuni comportamenti anomali tenuti dai giovani nei confronti dei loro familiari e di coloro che hanno intorno (comportamento scontroso, calo del rendimento nei risultati scolastici e soprattutto nella condotta, assenze ingiustificate, ecc.) possono essere il segnale di profondi disagi.

In questi casi il ricorso ad un investigatore può essere consigliato per due ragioni: innanzitutto per l'imparzialità e l'equilibrio di valutazione di un professionista che si troverebbe ad osservare e scandagliare la vita del minore da un punto di vista oggettivo e senza coinvolgimenti emotivi. In secondo luogo per la possibilità che l'attività di un investigatore, autorizzato ad indagare anche con i metodi tecnologici più moderni, possa dare effettivi riscontri ai timori dei familiari, fugando ogni sospetto, contrariamente a quanto può succedere con una ricerca effettuata direttamente dai genitori che, oltre ad essere incompleta, rischierebbe di essere illegittima perché lesiva dei diritti della personalità del minore.

L'attività di investigazione, in questi casi, è particolarmente delicata, perché necessita di una attività di osservazione caratterizzata da molta discrezione. Si tratta di verificare la condotta dei minori in relazione a:

- eventuali atteggiamenti anomali, frequentazione di compagnie pregiudizievoli, utilizzo di sostanze stupefacenti all'interno di discoteche, locali, bar, feste, tramite un'osservazione sotto copertura;

- l'accertamento della frequenza di sette criminali, spesso caratterizzate da meccanismi di segretezza che le rendono difficilmente accessibili a soggetti esterni;

- la verifica dell'assoggettamento del minore, spesso debole o indifeso, rispetto ad atteggiamento di bullismo e violenza giovanile;

- l'iscrizione a chat e servizi internet o la frequenza più che assidua all'interno dei social network, causati dalla dipendenza da computer (definita dagli psicologi americani Internet Addiction Disorder), la quale può nascondere pericoli ed insidie e favorire un progressivo distacco dalla realtà

- la frequentazione di sale giochi o l'utilizzo di videogames e siti che propongono giochi d'azzardo.

Per questo genere di indagine, l'investigatore ha l'obiettivo di fornire informazioni precise che possano essere utilizzate da genitori consapevoli, al fine dell'effettivo recupero del giovane sotto osservazione e del raggiungimento della serenità familiare.